Fegato grasso

Per “fegato grasso”, o steatosi epatica, si intende l’eccessivo accumulo patologico di lipidi, in particolare trigliceridi, nelle cellule epatiche, gli epatociti. Il fegato contiene normalmente grasso, ma se la percentuale ammonta a più del 5-10% del peso, allora è possibile parlare di steatosi epatica.

La causa principale è un’alimentazione troppo ricca di calorie. Quando il fegato non processa e metabolizza i grassi come dovrebbe fare normalmente, questi si accumulano in eccesso. Altri fattori predisponenti sono condizioni prepatologiche o patologiche come l’obesità, il diabetedislipidemie. Inoltre, anche l’abuso di alcol, la rapida perdita di peso per diete estreme e la malnutrizione possono condurre a questa situazione.

Questa patologia di per sé non dà sintomi e non è patologica, però può evolvere in infiammazione (steatoepatite) e fibrosi, che possono portare allo sviluppo di cirrosi epatica e tumore. In alcuni casi il soggetto può presentare affaticamento, calo di peso, debolezza e confusione.
 

La diagnosi del fegato grasso viene fatta nella maggior parte dei casi attraverso ecografia e spesso il reperto è casuale, essendo una condizione assolutamente asintomatica. In altri casi, il dubbio può emergere quando si riscontrano, anche occasionalmente, alterazioni dei comuni esami di laboratorio epatici: le transaminasi, la fosfatasi alcalina, la gammaGT.
 
Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.
Non trovi la patologia che stai cercando?
Clicca qui