Difetto interatriale pediatrico

Un difetto nella parete cardiaca che separa gli atrii del cuore, consentendo il passaggio di sangue.

Il difetto interatriale (DIA) è una malformazione congenita presente dalla nascita, spesso associata a sindrome di Down. Difetti di piccole dimensioni, fino a 4-5 millimetri, possono chiudersi spontaneamente entro i primi anni di vita.

Il difetto determina un aumento del flusso di sangue nelle sezioni destre del cuore, fino all’arteria polmonare, sottoponendo i polmoni a un maggior lavoro, causando ipertensione polmonare. Se questo stato non viene corretto, in età avanzata può produrre palpitazioni, aritmie e insufficienza cardiaca anche grave. Per questo, in presenza di difetti più estesi, è consigliabile procederne alla chiusura per via chirurgica in età prescolare.

Difetti di piccole o moderate dimensioni non producono sintomi fino all’età adulta o avanzata. Manifestazioni di difetti estesi possono essere stanchezza, sensazione di mancanza d’aria, ritardi nella crescita del bambino, maggior probabilità di contrarre infezioni dell'apparato respiratorio, come raffreddori o polmoniti.

Il disturbo può essere diagnosticato con ecocardiogramma transesofageo (ETE) o transtoracico (ETT), o con doppler transcranico (TCD) con mezzo di contrasto.
Non trovi la patologia che stai cercando?
Clicca qui