Depressione

La depressione è un disturbo mentale che provoca un crollo dell’autostima, perdita d’interesse alla vita, pessimismo e grave tristezza d’animo.

Alla base della depressione c’è un concorso di fattori psicologici, ambientali e genetici (familiarità). A livello organico, si verifica un calo di serotonina, il neurotrasmettitore associato al ciclo sonno-veglia, alla percezione e a diversi comportamenti. In alcuni casi, lo stato depressivo può essere indotto dall’uso di famaci a base di cortisone o, nelle donne, da squilibri ormonali.

Il paziente depresso ha tipicamente difficoltà a dormire o, viceversa, a restare sveglio. Tende all’inappetenza e a perdere peso o, viceversa, a un incontrollato appetito e a significative variazioni di peso. A livello di comportamento, tende a isolarsi dagli affetti (famiglia e amici), perde la stima di sé e diventa incapace di provare piacere, modificando anche il comportamento sessuale. Prostrazione, incapacità di concentrazione, sensi di colpa e indolenza sono altri tratti tipici del depresso.

L’accertamento della sindrome depressiva avviene sulla base dei sintomi e della storia clinica del paziente.
Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Articoli correlati a Depressione

07 luglio 2021 - GVM

Depressione: la stimolazione magnetica transcranica (TMS) nel trattamento della patologia

La TMS agisce stimolando le cellule nervose della corteccia prefrontale, che coinvolta con le strutture cerebrali più profonde nella disregolazione del tono dell’umore
22 giugno 2021 - GVM

Stress sul lavoro: la sindrome da Burnout

Il termine "burnout" indica una condizione di esaurimento emotivo, depersonalizzazione e derealizzazione personale derivante dallo stress dovuto alle condizioni di lavoro e a fattori della sfera personale e ambientale.
20 maggio 2021 - GVM

Patologie neurologiche e psichiatriche: l’approccio innovativo della TMS

La stimolazione magnetica transcranica può riportare le cellule neuronali allo status quo.
Non trovi la patologia che stai cercando?
Clicca qui