Epatite

Un’infezione virale del fegato con conseguente infiammazione acuta o cronica.

I virus dell’epatite sono divisi in cinque tipi: A, B, C, D ed E. Il virus A si trasmette per contaminazione di acqua e cibo o contatti fra le persone, ed è pertanto diffuso in presenza di condizioni igieniche precarie. Il virus B si trasmette con trasfusioni di sangue, rapporti sessuali senza profilattico, iniezioni con siringhe non sterilizzate. Può essere trasmesso dalla madre al bambino nel momento del parto. Il virus C si diffonde per contatto con sangue infetto, ma solo molto raramente per via sessuale. Rare le infezioni da virus D, generalmente trasmesse da madre a figlio durante il parto, e virus E, per contaminazione di cibo e acqua da parte di feci in cui è presente l’agente patogeno (trasmissione oro-fecale).

I sintomi tipici di epatite sono colorito giallastro (ittero), urina di colore intenso, stato di malessere generale caratterizzato da nausea, debolezza, inappetenza, cefalea, lievi dolori addominali.

Se le epatiti A e C possono essere asintomatiche, le epatiti B ed E possono avere manifestazioni gravi e condurre a insufficienza epatica. L’epatite C e in parte anche quella di tipo B, tende a cronicizzarsi, producendo un ingrossamento della milza, stanchezza e affaticabilità. L’infiammazione prolungata può condurre nel medio termine a danni gravi a carico del fegato.

L’esame diretto del paziente e l’esito di test di funzionalità del fegato permettono di accertare il disturbo. Per individuare il virus responsabile, generalmente attraverso gli anticorpi specifici prodotti dall’organismo, si possono compiere esami di laboratorio.
Non trovi la patologia che stai cercando?
Clicca qui