Piede piatto

L’alterata conformazione delle ossa del piede che produce la parziale o completa assenza della convessità della pianta del piede, che poggia quindi a terra completamente, compromettendo la funzionalità delle articolazioni di piede e caviglia.

Se presente già in età infantile, il disturbo è congenito. In età adulta, può essere dovuto alla degenerazione di una forma congenita, a disfunzioni muscolari, fratture ossee o lacerazioni dei tendini. In altri casi, può essere conseguenza di patologie quali neuropatia, miopatia o artrite reumatoide.

Il piede è la base d’appoggio di tutto il corpo. Il piede piatto altera la distribuzione del peso sul piede, provocando squilibri fra le varie componenti ossee, stress e degenerazione articolare, affaticabilità nella deambulazione, dolori alle gambe e alla colonna vertebrale.

L’esame clinico consente di diagnosticare il disturbo. Per valutarne grado ed estensione, si può compiere una baropodometria, esame computerizzato che valuta con precisione la pressione esercitata dal piede per ogni centimetro quadrato.
Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Le Strutture Sanitarie che accertano o curano questa patologia

Articoli correlati a Piede piatto

25 giugno 2021 - GVM

Piede piatto bilaterale: dopo l'operazione, 13enne vince due medaglie d'oro nel pattinaggio

L'operazione per la correzione del dismorfismo è stata risolutiva
Non trovi la patologia che stai cercando?
Clicca qui