Vasculite Cronica

Che cos’è, quali sono le cause, come si accerta e come si tratta questa infiammazione cronica dei vasi sanguigni spesso legata a una reazione autoimmune.
La vasculite cronica è un’infiammazione prolungata dei vasi sanguigni, in genere dovuta a una reazione autoimmune: l’organismo, cioè, attacca vene e arterie come se fossero elementi estranei, provocando la flogosi. Può colpire esclusivamente i vasi di grandi dimensioni, o esclusivamente quelli di medie dimensioni o di piccole dimensioni, oppure infiammare contemporaneamente vene e arterie, sia grandi che piccole.

Origine

Le cause effettive della vasculite sono ancora da chiarire. Il manifestarsi della vasculite cronica è spesso legato a una patologia autoimmune e dunque il fattore genetico avrebbe un ruolo preponderante. 
Tuttavia, anche alcune infezioni croniche come l’Epatite B e l’Epatite C sono frequentemente correlate alla vasculite.
Probabilmente, anche il tabagismo aumenta il rischio di sviluppare la vasculite cronica.
 

La vasculite provoca malessere generale, con uno stato di salute contrassegnato da debolezza, febbre, mal di testa, eruzioni cutanee, perdita di peso. In casi severi può provocare un restringimento dei vasi che potrebbe innescare un’ischemia o un infarto addominale.

La diagnosi della vasculite si esegue con una combinazione di esami strumentali:
  • angiografia, cioè un esame radiografico con mezzo di contrasto che evidenzia il flusso del sangue nei vasi;
  • prelievo di campioni di tessuto dal vaso infiammato per esame bioptico;
  • analisi del sangue.

Il trattamento della vasculite cronica può essere di tre tipi:
  1. Terapia farmacologica a base di cortisonici, per ridurre l’infiammazione;
  2. Terapia farmacologica a base di farmaci immunosoppressivi per combattere la reazione autoimmune;
  3. Terapia chirurgica, che viene in messa in atto quando la vasculite rischia di compromettere la salute di un organo vitale (più spesso cuore o polmoni) che risulta non sufficientemente irrorato dal sangue.

La vasculite è di solito legata a fattori di rischio non modificabili, come una patologia autoimmune o ad aver contratto un’infezione cronica. Se si ha una diagnosi già accertata di una patologia autoimmune o reumatica, o di Epatite B o Epatite C, allora si raccomanda di seguire la terapia prescritta e di rivolgersi al proprio medico se si manifestano sintomi riferibili alla vasculite. Sono indicazioni generali: astenersi dal fumo di tabacco seguire un’alimentazione povera di grassi e zuccheri, che possono favorire i processi infiammatori.
Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Le Strutture Sanitarie che accertano o curano questa patologia

Non trovi la patologia che stai cercando?
Clicca qui