Distacco della retina

Il distacco della retina è causato dal sollevamento della retina – la membrana trasparente sul fondo oculare – e dei vasi sanguigni che scorrono in quella parte dell’occhio, che provoca la morte delle cellule e dei tessuti circostanti. Tale sollevamento – che si verifica come conseguenza di una rottura o di una perforazione – ha come conseguenze problemi di vista, tanto da manifestarsi con una sensibile diminuzione che può sfociare in cecità.

Il distacco della retina può essere di quattro tipi diversi:
  1. regmatogeno: è la forma più diffusa, causata dalla rottura o dalla presenza di piccoli fori nelle retina, a loro volta causati dal distacco del corpo vitreo, che permette il passaggio di liquido vitreale sotto la retina;
  2. trazionale: provocata dall’attrito di membrane che si formano sulla superficie della retina e che ne causano il sollevamento. Questa forma è frequente nei pazienti diabetici, affetti da trombosi venose o da retinopatie precoci;
  3. essudativo: il distacco in questo caso è favorito dalla presenza anomala di liquidi sotto la retina che facilitano l’insorgenza di infiammazioni e lesioni vascolari;
  4. forme miste: è la forma più grave e compromettente, poiché il distacco interessa la parte centrale della retina, la macula e la fovea, interessando e peggiorando anche la visione centrale, che è quella che permette di mettere a fuoco i dettagli di ciò che vediamo.

Le cause che possono favorire il distacco della retina sono molte, fra le quali:
  • grave miopia,
  • traumi,
  • diabete,
  • malattie infiammatorie e genetiche,
  • liquefazione vitrea o distacco posteriore del vitreo, che si verificano quando le strutture dell’occhio subiscono un sensibile invecchiamento, in seguito al quale l’umor vitreo diviene più denso e causa il sollevamento della retina,
  • degenerazione a palizza, condizione che si verifica quando l’umor vitreo crea una forte aderenza ai bordi della retina, facilitandone il distacco,
  • familiarità.

Il distacco della retina non provoca dolore, motivo per cui la persona potrebbe non accorgersi tempestivamente di questa condizione.

Sintomi che possono indicare il distacco della membrana retinica sono:
  • visione di corpi mobili e scotomi (vedere punti neri e grandi come mosche nel campo visivo, macchie, o oggetti che si spostano dal campo visivo),
  • visione di lampi o flash di luce,
  • vista annebbiata,
  • perdita della visione periferica che provoca una sensazione di vista offuscata,
  • perdita di sangue sul fondo oculare.
La sensazione che riporta il paziente affetto da distacco della retina – una volta che la visione centrale e periferica vengono compromesse – è la presenza di una tenda scura sugli occhi, che disturba la vista.

Per accertare la presenza del distacco della retina è necessario eseguire l’esame del fondo oculare, attraverso un oftalmoscopio che permette di studiare lo stato della retina e l’eventuale distacco.

Il medico oculista può anche richiedere alcuni esami diagnostici:
  • ecografia oculare, che permette di esaminare la retina,
  • OCT o tomografia ottica computerizzata, un esame non invasivo che permette di ispezionare e forografare retina, cornea e nervo ottico attraverso l’utilizzo di raggi laser.
Non trovi la patologia che stai cercando?
Clicca qui