Prolasso valvola mitrale

E’ difetto che riguarda una delle quattro valvole del cuore, la valvola mitrale. Consiste in un’ alterazione dei lembi della valvola mitrale che perdono elasticità o aumentano di spessore e di conseguenza non assicurano più una chiusura ermetica della valvola, la cui funzione è quella di far passare il sangue ossigenato proveniente dai polmoni, dall’atrio sinistro al ventricolo sinistro e impedire che proceda nel senso opposto.

Il disturbo può essere genetico ed ereditario, quindi comparire fin dalla nascita o dipendere da patologie, come la sindrome di Marfa, scoliosi, alcune forme di distrofia muscolare, dalla malattia di Graves o ancora da problematiche coronarie.

Il prolasso valvolare mitralico è asintomatico. Tuttavia esistono casi in cui il prolasso può portare a complicazioni più serie, come il rigurgito mitralico che si verifica quando, a causa della chiusura difettosa della valvola, il sangue scorre nel verso opposto al normale, e cioè dal ventricolo sinistro verso l’atrio sinistro.

Il cardiologo si accorge dell’alterazione della valvola anche con una semplice visita eseguita con lo stetoscopio. Per un approfondimento diagnostico, l'ecocardiografia è di sicuro lo strumento più indicato per individuare l’anomalia e valutare nello stesso tempo la sua entità.
Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Le Strutture Sanitarie che accertano o curano questa patologia

Non trovi la patologia che stai cercando?
Clicca qui