Vescica iperattiva

 

 

La sindrome da vescica iperattiva è una condizione patologica che non dipende dalla presenza di altre patologie.
Consiste in uno stimolo molto frequente alla minzione e si accompagna con altri sintomi caratteristici.

È più frequente nelle donne che negli uomini e la probabilità di sviluppare la sindrome da vescica iperattiva aumenta con l’età.

Come si manifesta

La vescica iperattiva si manifesta con:
  • minzioni frequenti (più di 8 volte al giorno);
  • urgenza improvvisa a urinare
  • nicturia (frequenti minzioni notturne)
La sindrome può accompagnarsi all’incontinenza delle urine e al gocciolamento post minzionale. Questo è più frequente nelle donne che negli uomini.

La causa principale della sindrome è l’iperattività del muscolo detrusore, che in condizioni fisiologiche normali si contrae durante la minzione per favorire il flusso delle urine. 
Individuare le ragioni dell’iperattività del muscolo è più complesso.

Tra le cause che concorrono vi sono fattori di natura fisiopatologica e psicologica. 

Cause di natura patologica:

  • sovrapproduzione di urina dovuta a diabete o patologie del rene;
  • patologie neurologiche come Morbo di Parkinson, esiti di eventi ischemici, patologie degenerative del sistema nervoso centrale ecc;
  • tumori della vescica o a carico di altri organi dell’apparato uro-genitale;
  • calcolosi renale;
  • ipertrofia prostatica benigna (nei pazienti di sesso maschile);
  • cistite e altre infezioni del tratto urinario;
  • stitichezza;
  • obesità e sovrappeso grave.

Cause meccaniche:

  • perdita del tono muscolare del pavimento pelvico (soprattutto nelle donne come conseguenza di parti e gravidanze).

Cause transitorie:

  • eccessiva assunzione di liquidi;
  • eccessivo consumo di caffeina e/o alcolici.

In prima istanza vanno escluse le patologie che potrebbero sottostare alla sintomatologia da vescica iperattiva.
In assenza di cause patologiche, la diagnosi di sindrome da vescica iperattiva richiede:

Per i pazienti di sesso maschile
  • anamnesi
  • esame obiettivo con ispezione della prostata
Per le pazienti di sesso femminile:
  • anamnesi
  • valutazione del tono del pavimento pelvico
  • esame obiettivo per eventuale presenza di prolassi
Per entrambi:
  • ecografia della vescica e dell’uretra;
  • esame delle urine con urinocoltura;
  • studio della velocità e della portata del flusso urinario mediante uroflussometria: il paziente urina in un contenitore collegato ad un pc, che raccoglie i dati e genera un grafico. Da queste informazioni il medico può valutare se ci sono alterazioni rispetto allo standard.
  • Indagine urodinamica: esame invasivo (con catetere in vescica e sonda rettale) che consente di valutare la contrattilità vescicale, i volumi e le pressioni, la comparsa di contrazioni improvvise e involontarie. Comprende anche la flussometria. E’ questo l’esame che consente di fare diagnosi di certezza di vescica iperattiva.
Le informazioni contenute nel Sito, seppur validate dai nostri medici, non intendono sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Le Strutture Sanitarie che accertano o curano questa patologia

Non trovi la patologia che stai cercando?
Clicca qui