Vescica iperattiva

 

 

La sindrome da vescica iperattiva è una condizione patologica che non dipende dalla presenza di altre patologie.
Consiste in uno stimolo molto frequente alla minzione e si accompagna con altri sintomi caratteristici.

È più frequente nelle donne che negli uomini e la probabilità di sviluppare la sindrome da vescica iperattiva aumenta con l’età.

Come si manifesta

La vescica iperattiva si manifesta con:
  • minzioni frequenti (più di 8 volte al giorno);
  • urgenza improvvisa a urinare
  • nicturia (frequenti minzioni notturne)
La sindrome può accompagnarsi all’incontinenza delle urine e al gocciolamento post minzionale. Questo è più frequente nelle donne che negli uomini.

La causa principale della sindrome è l’iperattività del muscolo detrusore, che in condizioni fisiologiche normali si contrae durante la minzione per favorire il flusso delle urine. 
Individuare le ragioni dell’iperattività del muscolo è più complesso.

Tra le cause che concorrono vi sono fattori di natura fisiopatologica e psicologica. 

Cause di natura patologica:

  • sovrapproduzione di urina dovuta a diabete o patologie del rene;
  • patologie neurologiche come Morbo di Parkinson, esiti di eventi ischemici, patologie degenerative del sistema nervoso centrale ecc;
  • tumori della vescica o a carico di altri organi dell’apparato uro-genitale;
  • calcolosi renale;
  • ipertrofia prostatica benigna (nei pazienti di sesso maschile);
  • cistite e altre infezioni del tratto urinario;
  • stitichezza;
  • obesità e sovrappeso grave.

Cause meccaniche:

  • perdita del tono muscolare del pavimento pelvico (soprattutto nelle donne come conseguenza di parti e gravidanze).

Cause transitorie:

  • eccessiva assunzione di liquidi;
  • eccessivo consumo di caffeina e/o alcolici.

In prima istanza vanno escluse le patologie che potrebbero sottostare alla sintomatologia da vescica iperattiva.
In assenza di cause patologiche, la diagnosi di sindrome da vescica iperattiva richiede:

Per i pazienti di sesso maschile
  • anamnesi
  • esame obiettivo con ispezione della prostata
Per le pazienti di sesso femminile:
  • anamnesi
  • valutazione del tono del pavimento pelvico
  • esame obiettivo per eventuale presenza di prolassi
Per entrambi:
  • ecografia della vescica e dell’uretra;
  • esame delle urine con urinocoltura;
  • studio della velocità e della portata del flusso urinario mediante uroflussometria: il paziente urina in un contenitore collegato ad un pc, che raccoglie i dati e genera un grafico. Da queste informazioni il medico può valutare se ci sono alterazioni rispetto allo standard.
  • Indagine urodinamica: esame invasivo (con catetere in vescica e sonda rettale) che consente di valutare la contrattilità vescicale, i volumi e le pressioni, la comparsa di contrazioni improvvise e involontarie. Comprende anche la flussometria. E’ questo l’esame che consente di fare diagnosi di certezza di vescica iperattiva.
Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.

Le Strutture Sanitarie che accertano o curano questa patologia

Non trovi la patologia che stai cercando?
Clicca qui